I nostri partner, p.f. vogliate osservare


Un viaggio nelle viscere del Ticino


Sabato 30 aprile,18 persone provenienti da diversi ambiti professionali (direttori dei lavori, architetti, capicantiere, ingegneri civili e direttori delle vendite) si sono incontrate all’Infopoint del cantiere Alptransit di Sigirino. Siamo stati particolarmente contenti della presenza di quattro donne. Le guide Roberto Poncini e Davor Turkovic hanno riferito i grandi numeri di quantità e volumi della galleria. Dopo la visita di tre ore siamo stati condotti al VILLAGGIO degli operai, situato in posizione rialzata nelle immediate vicinanze. In una sala separata abbiamo potuto degustare il menu del giorno della mensa. Le porzioni rispecchiavano le quantità dell’opera! L’evento è stato uno buona pubblicità per Quadri dell’edilizia Svizzera. In particolare perché cinque dei presenti hanno richiesto di aderire in qualità di socio. Secondo il presidente Alberto Di Crescenzo non aspetteremo altri tre anni prima della prossima visita. Nel 2017 ve ne sarà infatti un’altra.

Galeria

Verso le 9.00 i primi partecipanti erano già sul posto. All’esterno dell’Infopoint, con una piacevole temperatura di ca. 17 gradi, si è svolto il saluto di accoglienza. Il 29 giugno 2013 Quadri dell’edilizia Svizzera aveva già organizzato una visita della galleria di Sigirino. Entrambe le guide di allora, Roberto Poncini e Davor Turkovic, sono stati i nostri accompagnatori anche questa volta. Alle 9.20 ci siamo radunati nella sala del primo piano, dove Davor Turkovic, dall’alto della sua esperienza, ha ricapitolato la storia politica e tecnica dell’opera. Egli ci ha inoltre mostrato il settore della galleria che avremmo visitato in seguito.

L’impressionante interno della montagna
Per motivi di sicurezza tutti i partecipanti hanno dovuto scrivere il loro nome e il numero di telefono sulla lista predisposta, per poi procedere con la vestizione: l’accesso alla galleria è consentito solo indossando stivali di sicurezza, casco e sacco con maschera di ossigeno. Dopo la dovuta foto di gruppo che ci ha immortalato con le tute bianche, 2 piccoli bus ci hanno condotto nei cunicoli per ca. 5 km, per rilevarci l’imponente opera in calcestruzzo. La visita di oltre un’ora all’interno della montagna è stata impressionante. Davor Turkovic ha riferito le sue conoscenze sulla costruzione della galleria oltre ai grandi numeri relativi a quantità e volumi. L’avanzamento è avvenuto al 100% mediante brillamento. Per ogni direzione di marcia si è costruito una galleria separata in modo da assicurare la circolazione dei convogli merci alla velocità di 160 km/h e dei convogli passeggeri a 250 km/h. Le due canne distano 40 metri una dall’altra e sono collegate da cunicoli trasversali. Al termine dei lavori, il materiale di scavo ammonterà a 8‘000‘000 di tonnellate. L’apertura è prevista per il 2019. Al momento la costruzione grezza è in fase molto avanzata. Durante la visita abbiamo raggiunto un settore della galleria dove vi erano i ponteggi. Nella caverna si possono ancora vedere gli archi di compressione in fase di costruzione. Poco più avanti sono già stati ricoperti con calcestruzzo applicato a spruzzo in modo che l’armatura possa successivamente esservi fissata. Manca quindi solo il rivestimento interno. Molti smartphon hanno immortalato il tutto con film e fotografie.

Rete di contatti in Ticino
Si è potuto positivamente constatare che, grazie all’evento, la sezione Ticino ha sollecitato l’interesse di molte nuove persone. Hanno partecipato tra gli altri anche quattro studenti del terzo anno della Scuola specializzata superiori di tecnica di Trevano/Cannobio, su consiglio del loro docente Tiziano Vanoni. Purtroppo Tiziano è intervenuto solo per dare un breve saluto ai suoi studenti, per poi fare ritorno alla scuola. Egli ha comunque potuto incontrare e salutare Rainer Plum (architetto dipl. ETH-SIA-OTIA), suo ex compagno di studi all’ETH di Zurigo; un piacevole rivedersi per entrambi! Di seguito l’elenco di tutti i partecipanti: Arturo Fazari, Federico Raschetti, Claudio Carangelo, Rino Mastria, Daniele D’Onofrio, Claudio Ceppini, Ivan Gogov, Andrea Luzi, Luca Rossi, Alberto Di Crescenzo, Mauro Bianchetto, Sabine Andrey, Rainer Plum, Monique Chételat, Fernando Ferrari, Seraina Greb, Anja Meier, Rut Verdegaal.

Un benvenuto ai nuovi soci!
L’atmosfera è stata piacevole, rilassata e piena di humor! Vi è stato molto spazio per chiacchierare con varie persone. Dopo la visita siamo stati condotti al VILLAGGIO degli operai, situato in posizione rialzata nelle immediate vicinanze. In una saletta separata ci è stato servito il menu del giorno della mensa; le porzioni rispecchiavano le quantità dell’opera! Il vino „Villa Antinori“ e il lungo tavolo da 18 persone sono stati l’epilogo della visita. L’evento è stato uno buona pubblicità per Quadri dell’edilizia Svizzera. In particolare perché cinque dei presenti hanno richiesto di aderire in qualità di socio. Secondo il presidente Alberto Di Crescenzo non aspetteremo altri tre anni prima della prossima visita. Nel 2017 ve ne sarà infatti un’altra.

Sempach, 30.04.2016/rv